usi e detti marchigiani

CALENDARIO DI AVVENTO

๐Ÿ•ฏ

๐™‰๐˜ผ๐™๐˜ผฬ€’ ๐Ÿฎ๐Ÿฌ๐Ÿฎ๐Ÿญ, ๐™˜๐™–๐™ก๐™š๐™ฃ๐™™๐™–๐™ง๐™ž๐™ค ๐™™๐™ž๐™œ๐™ž๐™ฉ๐™–๐™ก๐™š ๐™™๐™š๐™ก๐™ก’๐™–๐™ซ๐™ซ๐™š๐™ฃ๐™ฉ๐™ค ๐™™๐™š๐™ก๐™ก๐™š ๐™ฉ๐™ง๐™–๐™™๐™ž๐™ฏ๐™ž๐™ค๐™ฃ๐™ž ๐™ฅ๐™ค๐™ฅ๐™ค๐™ก๐™–๐™ง๐™ž ๐™™๐™š๐™ก๐™ก๐™š ๐™ˆ๐™–๐™ง๐™˜๐™๐™š ๐™˜๐™š๐™ฃ๐™ฉ๐™ง๐™–๐™ก๐™ž ๐™˜๐™ค๐™ฃ ๐™‚๐™ž๐™ค๐™ซ๐™–๐™ฃ๐™ฃ๐™ž ๐™‚๐™ž๐™ฃ๐™ค๐™—๐™ž๐™ก๐™ž.

BUONA VIGILIA DI NATALE

๐Ÿฎ๐Ÿฐ ๐——๐—œ๐—–๐—˜๐— ๐—•๐—ฅ๐—˜ ๐Ÿฎ๐Ÿฌ๐Ÿฎ๐Ÿญ
Cโ€™รจ unโ€™antica tradizione popolare che vuole che si debba lasciare la tavola imbandita dopo il tradizionale cenone affinchรจ la Madonna ed il Bambinello, passando, benediccesero la casa. Per permettere ad essa di riscaldare i pannolini e le fasce del Pargol Divino, si lasciava acceso nel camino il ceppo, che non doveva mai essere spento.

CALENDARIO DI AVVENTO

๐Ÿ•ฏ

๐™‰๐˜ผ๐™๐˜ผฬ€’ ๐Ÿฎ๐Ÿฌ๐Ÿฎ๐Ÿญ, ๐™˜๐™–๐™ก๐™š๐™ฃ๐™™๐™–๐™ง๐™ž๐™ค ๐™™๐™ž๐™œ๐™ž๐™ฉ๐™–๐™ก๐™š ๐™™๐™š๐™ก๐™ก’๐™–๐™ซ๐™ซ๐™š๐™ฃ๐™ฉ๐™ค ๐™™๐™š๐™ก๐™ก๐™š ๐™ฉ๐™ง๐™–๐™™๐™ž๐™ฏ๐™ž๐™ค๐™ฃ๐™ž ๐™ฅ๐™ค๐™ฅ๐™ค๐™ก๐™–๐™ง๐™ž ๐™™๐™š๐™ก๐™ก๐™š ๐™ˆ๐™–๐™ง๐™˜๐™๐™š ๐™˜๐™š๐™ฃ๐™ฉ๐™ง๐™–๐™ก๐™ž ๐™˜๐™ค๐™ฃ ๐™‚๐™ž๐™ค๐™ซ๐™–๐™ฃ๐™ฃ๐™ž ๐™‚๐™ž๐™ฃ๐™ค๐™—๐™ž๐™ก๐™ž.

๐Ÿญ๐Ÿฎ ๐——๐—œ๐—–๐—˜๐— ๐—•๐—ฅ๐—˜ ๐Ÿฎ๐Ÿฌ๐Ÿฎ๐Ÿญ
ยซTร ndi jรณrni ci’ha la luna de Natร ’,
tร ndi Paoli va lo gra’.ยป
Questo antico proverbio ci dice che il prezzo del grano, anticamente, veniva computato dai giorni che la luna contava nel periodo delle feste di Natale.
Il Paolo รจ una moneta dello Stato Pontificio, detta cosรฌ perchรฉ coniata in origine da papa Paolo III a metร  del cinquecento. Nel XIX secolo veniva chiamato Paolo anche la moneta da dieci Bajocchi.

CALENDARIO DI AVVENTO

๐Ÿ•ฏ

๐™‰๐˜ผ๐™๐˜ผฬ€’ ๐Ÿฎ๐Ÿฌ๐Ÿฎ๐Ÿญ, ๐™˜๐™–๐™ก๐™š๐™ฃ๐™™๐™–๐™ง๐™ž๐™ค ๐™™๐™ž๐™œ๐™ž๐™ฉ๐™–๐™ก๐™š ๐™™๐™š๐™ก๐™ก’๐™–๐™ซ๐™ซ๐™š๐™ฃ๐™ฉ๐™ค ๐™™๐™š๐™ก๐™ก๐™š ๐™ฉ๐™ง๐™–๐™™๐™ž๐™ฏ๐™ž๐™ค๐™ฃ๐™ž ๐™ฅ๐™ค๐™ฅ๐™ค๐™ก๐™–๐™ง๐™ž ๐™™๐™š๐™ก๐™ก๐™š ๐™ˆ๐™–๐™ง๐™˜๐™๐™š ๐™˜๐™š๐™ฃ๐™ฉ๐™ง๐™–๐™ก๐™ž ๐™˜๐™ค๐™ฃ ๐™‚๐™ž๐™ค๐™ซ๐™–๐™ฃ๐™ฃ๐™ž ๐™‚๐™ž๐™ฃ๐™ค๐™—๐™ž๐™ก๐™ž.

๐Ÿฏ ๐——๐—œ๐—–๐—˜๐— ๐—•๐—ฅ๐—˜ ๐Ÿฎ๐Ÿฌ๐Ÿฎ๐Ÿญ
ยซFascina
che โ€˜r diavulu te sse strascina;
te strascina jรณ โ€˜n Gremรณโ€™
prima a tte ppรณโ€™ a lu patrรณโ€™.ยป

CALENDARIO DI AVVENTO

๐™‰๐˜ผ๐™๐˜ผฬ€’ ๐Ÿฎ๐Ÿฌ๐Ÿฎ๐Ÿญ, ๐™˜๐™–๐™ก๐™š๐™ฃ๐™™๐™–๐™ง๐™ž๐™ค ๐™™๐™ž๐™œ๐™ž๐™ฉ๐™–๐™ก๐™š ๐™™๐™š๐™ก๐™ก’๐™–๐™ซ๐™ซ๐™š๐™ฃ๐™ฉ๐™ค ๐™™๐™š๐™ก๐™ก๐™š ๐™ฉ๐™ง๐™–๐™™๐™ž๐™ฏ๐™ž๐™ค๐™ฃ๐™ž ๐™ฅ๐™ค๐™ฅ๐™ค๐™ก๐™–๐™ง๐™ž ๐™™๐™š๐™ก๐™ก๐™š ๐™ˆ๐™–๐™ง๐™˜๐™๐™š ๐™˜๐™š๐™ฃ๐™ฉ๐™ง๐™–๐™ก๐™ž ๐™˜๐™ค๐™ฃ ๐™‚๐™ž๐™ค๐™ซ๐™–๐™ฃ๐™ฃ๐™ž ๐™‚๐™ž๐™ฃ๐™ค๐™—๐™ž๐™ก๐™ž.

๐Ÿญ ๐——๐—œ๐—–๐—˜๐— ๐—•๐—ฅ๐—˜ ๐Ÿฎ๐Ÿฌ๐Ÿฎ๐Ÿญ

ยซLu primu dicembre รจ Sandโ€™Alรจgeo;

a li due Sanda Viviana;

a li tre San Francesco Saverio;

a li quattro sanda Varvara Romana;

a li cinque San Sabbu abbate;

a li sei San Nicolรฒ che va per via;

a li sette Sandโ€™Ambrogiu de Milano;

a li otto la Cungizziรณโ€™ de Maria;

a li nove se fa โ€˜r-conzijo segreto,

perchรจ li dieci รจ la Madonna de Loreto;

a li tredici รจ Sanda Lucia;

a li venduno San Tomasso canda;

a li vendicingue la Nascita sanda;

a li ventisei Sando Stefano lapidato;

a li vendisette San Giovanni chiamato;

a li vendotto li Sandi โ€˜Nnocendini

finite le feste, finiti li quatrini;

e per mejo spiegร โ€™ chรจ ffinite le feste,

a li trenduno รจ San Silvestre.ยป

CALENDARIO DI AVVENTO

๐Ÿ•ฏ

๐™‰๐˜ผ๐™๐˜ผฬ€’ ๐Ÿฎ๐Ÿฌ๐Ÿฎ๐Ÿญ, ๐™˜๐™–๐™ก๐™š๐™ฃ๐™™๐™–๐™ง๐™ž๐™ค ๐™™๐™ž๐™œ๐™ž๐™ฉ๐™–๐™ก๐™š ๐™™๐™š๐™ก๐™ก’๐™–๐™ซ๐™ซ๐™š๐™ฃ๐™ฉ๐™ค ๐™™๐™š๐™ก๐™ก๐™š ๐™ฉ๐™ง๐™–๐™™๐™ž๐™ฏ๐™ž๐™ค๐™ฃ๐™ž ๐™ฅ๐™ค๐™ฅ๐™ค๐™ก๐™–๐™ง๐™ž ๐™™๐™š๐™ก๐™ก๐™š ๐™ˆ๐™–๐™ง๐™˜๐™๐™š ๐™˜๐™š๐™ฃ๐™ฉ๐™ง๐™–๐™ก๐™ž ๐™˜๐™ค๐™ฃ ๐™‚๐™ž๐™ค๐™ซ๐™–๐™ฃ๐™ฃ๐™ž ๐™‚๐™ž๐™ฃ๐™ค๐™—๐™ž๐™ก๐™ž.

๐Ÿฏ๐Ÿฌ ๐—ก๐—ข๐—ฉ๐—˜๐— ๐—•๐—ฅ๐—˜ ๐Ÿฎ๐Ÿฌ๐Ÿฎ๐Ÿญ
ยซSantโ€™Andrรจโ€™
pija lu porcu pรฉโ€™ lu pรจโ€™
se vidi che nโ€™รจ grassu,
โ€˜mmร zzulu per San Tomร ssu;
se a San Tomร ssu non te fa,
lร sciulu per Carnuร โ€™.ยป
Santโ€™Andrea si festeggia il 30 novembre, mentre San Tommaso il 21 dicembre.

SETTEMBRE

รˆ il mese di settembre; soโ€™ molto cortese, a li villani io faccio le spese;

porto lโ€™รนa, li fichi, le mele e cรณโ€™ โ€˜sti frutti je faccio piacere.

Le opere da seguire in questo mese sono annunciate da alcuni detti:

Salvia, majorana, trosmarino trapiantali a settembre e al suo vicino.

รˆ tempo di bacchiar le noci e la traduzione vuole che si faccia verso il 14 di questo mese intorno allaโ€™esaltazione della Croce!

Santa Croce la pertica per la noce!

Costumanze marchigiane

Terza edizione

Buona vita, buon mese di settembre โค๏ธ

PANCOTTO CON POMODORO MELANZANE ZUCCHINE CIPOLLA

Nanna ohโ€ฆ..nanna ohโ€ฆ..
che pacienza che cce vรด!!!!
Coโ€™stu pupu non cโ€™e pace,
la zzuppetta non je piaceโ€ฆ.
Nanna ohโ€ฆโ€ฆnanna ohโ€ฆ.
Lo pangรณtto non je piace
che pacienza che cce vรด!!!


Pangรณttoโ€ฆ.aรฉcce lo pangรณtto su la testa!
Avere il pancotto al posto del cervello!


Filastrocca e detto petriolese e dintorni.


Il pancotto che deve essere il primo pasto per svezzare il neonato, deve cuocere nella โ€œpignolรฉttaโ€, una piccola pentola di coccio marrone, bisogna farlo bollire fino a fare โ€œsette veliโ€, quella patina che si forma sulla โ€œboccaโ€ della โ€œpignolรฉttaโ€.

Una volta cresciuto il neonato, del โ€œpangรณttoโ€ e della nenia, non ne vuole piรน sapere, ma se provasse il mio pangรณtto si leccherebbe i โ€œbaffiโ€!


Pomodori rossi maturati al sole di agosto, cipolla, melanzane e zucchine e crosta di parmigiano reggiano. Olio extravergine di oliva di casa nostra a crudo, peccato che sia agli sgoccioli, e tante erbe aromatiche!


Cocรฒ ha fatto il bisโ€ฆ.mormorandoโ€ฆโ€ฆquanno รจ bbonu lo pangรณtto!!!

E chiudi la bocca e magna!

Buona vita, buon pancotto โค๏ธ

Tempo di Pasqua a Petriolo

Tempo di Pasqua a Petriolo, pillole di tradizioni popolari pasquali nel paese di Giovanni Ginobili

Fuori il verde!

Fin dallโ€™inizio della Quaresima i bambini e i giovani giocavano a โ€œfรฒri verdeโ€ (fuori il verde).

Se, fra due o piรน persone, all’intimazione di ยซfรฒri vรฉrde!ยป qualcuno non ne aveva oppure non ne mostrava, cadeva in multa e s’impegnava a pagare un uovo il giorno di Pasqua.

Il verde in questione poteva essere la foglia di carciofo, che si teneva in tasca, oppure una fogliolina di bosso sulla punta della lingua; altro verde non aveva valore.

#petriolo #macerata #marche #pasqua #pasqua2021 #petriolopasqua2021 #giovanniginobili #comunedipetriolo #propetriolo2000 #costumanzemarchigiane #tradizionipopolari #tradizioni #folklore #easter #

La Cannelรฒra (La Candelora)

Buona festa della Luce!

Nella celebrazione della messa della Purificazione di Maria Vergine, il parrocco dona ad ogni fedele una candela benedetta come segno di una Luce perennemente accesa per non perdere la fede. Una volta era piรน o meno grossa a seconda delle decime che pagava e della classe sociale cui apparteneva il parrocchiano. La candela portata a casa, era conservata gelosamente e veniva appesa sopra il letto insieme alle immagini sacre. Era un brutto segno se la candela si rompeva, o veniva accesa senza unโ€™occasione eccezionale e peggio ancora perderla. La candela benedetta preservava le persone dai mali, le case dai dalle calamitร  e dai pericoli. Si diceva che servisse a far luce nelle tenebre scese per castigo divino sulla terra. Allora nessun lume arderร  fuorchรฉ la candela benedetta e chi non la possederร  dovrร  stare al buio piรน profondo fino a non si sa quando. La candela benedetta si faceva ardere nelle grandi calamita naturali, i contadini lโ€™accendevano quando una grandinata eccezionale stava per mandare in fumo le speranze delle loro fatiche, insieme alla preghiera delle litanie dei Santi, il lume della candela benedetta donava una speranza dellโ€™intervento della bontร  divina. Cosรฌ negli ultimi istanti della vita, ogni persona di nostra terra, sul letto del suo ultimo giorno terreno, teneva in mano la candela benedetta che le recava la luce della fede. Dalla Candelora ha origine un noto proverbio che pretende darci lโ€™annuncio della fine dellโ€™inverno ma………condizionatamente:

Cannelora: dellโ€™immerno sรฉmo fรฒra;

se ce dร  sรฒle solella

cโ€™รจ quaranda dรฌ dโ€™inverno

se ce negne e se ce pioe

ce ne sta quarandanove.

O arda o vร ssa, lโ€™invernร ta รจ fino a Pasqua.

Buona vita, buona festa della Candeloraโค๏ธ

Calendario di Avvento

๐Ÿ•ฏ

๐—ก๐—”๐—ง๐—”ฬ€’ ๐Ÿฎ๐Ÿฌ๐Ÿฎ๐Ÿฌ, ๐™˜๐™–๐™ก๐™š๐™ฃ๐™™๐™–๐™ง๐™ž๐™ค ๐™™๐™ž๐™œ๐™ž๐™ฉ๐™–๐™ก๐™š ๐™™๐™š๐™ก๐™ก’๐™–๐™ซ๐™ซ๐™š๐™ฃ๐™ฉ๐™ค ๐™™๐™š๐™ก๐™ก๐™š ๐™ฉ๐™ง๐™–๐™™๐™ž๐™ฏ๐™ž๐™ค๐™ฃ๐™ž ๐™ฅ๐™ค๐™ฅ๐™ค๐™ก๐™–๐™ง๐™ž ๐™™๐™š๐™ก๐™ก๐™š ๐™ˆ๐™–๐™ง๐™˜๐™๐™š ๐™˜๐™š๐™ฃ๐™ฉ๐™ง๐™–๐™ก๐™ž ๐™˜๐™ค๐™ฃ ๐™‚๐™ž๐™ค๐™ซ๐™–๐™ฃ๐™ฃ๐™ž ๐™‚๐™ž๐™ฃ๐™ค๐™—๐™ž๐™ก๐™ž.

๐Ÿฎ๐Ÿฑ ๐——๐—œ๐—–๐—˜๐— ๐—•๐—ฅ๐—˜ ๐Ÿฎ๐Ÿฌ๐Ÿฎ๐Ÿฌ – ๐—ก๐—ฎ๐˜๐—ฎ๐—น๐—ฒ ๐—ฑ๐—ถ ๐—š๐—ฒ๐˜€๐˜‚ฬ€

Componimento di Giovanni Ginobili, primo classificato nel concorso โ€œNatale 1967โ€ indetto dallโ€™Enal Provinciale di Macerata.

ยซNatร โ€™ ssandu, te vramo commโ€™allรณra

quannโ€™ero ciucu. Sai? non vรฉco llโ€™ora

che โ€˜rrighi, anghi de nรฉโ€™ tuttu โ€™ngappatu.

E vvรฉchju soโ€™ โ€ฆ Ci-ร gghio condate llโ€™oreโ€ฆ

Oh, lo passato no, none no mmรฒre!

รˆ li falรฒ de la โ€œVinutaโ€ sanda

che mme rrecรฒrda tutta, tutta quanda

la vita de โ€™na โ€˜รฒ, de picculรฌttu

quanno, โ€˜ccando llโ€™arรฒla, zittu zittu

โ€˜scordร o a โ€˜rrรฉcchje tise, mamma mia

che de la Sanda Nร sceta dicia.

Che mmeraรฉje!!!; llโ€™agiuli, li candi,

le vรจstie che sse parlaโ€ฆ, eppรณ li piandi

che ffa lu vรฒโ€™; lu pรฒru somarรฉllu

che sse โ€˜gnenรฒcchjaโ€ฆ, pare de vedรฉllu.

E le fondane che le vutta mรจle,

llโ€™arbiri che fiuscieโ€ฆ; non adรจle

cรณse de paradisu che tte โ€˜nganda?

– Questo โ€˜ccombagna la Nร sceta sanda –

dicia la matre mia. E io ner core

le tengo comme cรณse de valore.

E โ€˜gni annu che โ€˜sti dรฌ le rpรฉnzo angรณra:

e ssรฒโ€™ bbiatu, commโ€™adรจro allora.ยป