diario alimentare di quaresima

Diario alimentare di quaresima (cannelloni di verdure)

Se avanza la pasta fresca all’uovo, mica si può buttare, è utile per fare un buon primo piatto sano e saporito.

L’idea arriva quando hai tanta verdura di stagione che è al fresco ed aspetta di essere consumata.

Prendi il cavolfiore, la lattuga, due foglie di cavolo nero ed un finocchio. Sbollentali, scolali, tagliali sottili sottili, condiscili con olio extravergine di oliva, erbe aromatiche, sale e rendi tutto cremoso con la besciamella allo yogurt bianco greco che fai tu, mettici la buccia di limone ed il parmigiano reggiano. Metti a bollire la pasta fresca all’uovo tagliata a quadrati, stendili sopra ad una bianca tovaglia per farli asciugare, mettici sopra una fettina di prosciutto cotto e le verdure cremose, chiudi ogni foglio ripieno e mettici sopra ancora un po’ di besciamella, metti a gratinare e sforna la delizia.

Buono, può essere un piatto preparato e congelato per le prossime feste pasquali! No???? Io dico di sì magari cambiando verdure o salume! A noi ci sta bene!

Buona vita, buon cammino di quaresima con i cannelloni di verdure ❤️

Diario alimentare di quaresima (rotolo di tonno zucca fagioli cannellini cavoli emmentaler)

Noi seguendo la nostra tradizione di casa materna, il mercoledì ed il venerdì del tempo di quaresima, facciamo astinenza dalle carni. Cerchiamo di cucinare cibi o di pesce o di legumi.

Abbiamo usato questi due ingredienti per fare un semplice e gustoso rotolo, aggiungendo anche verdure di stagione, come il cavolo e la zucca ed anche l’emmentaler per dargli più sostanza.

Ve lo raccontiamo in poche righe.

Abbiamo preso un barattolo di fagioli cannellini, li abbiamo sciacquati e scolati per bene, li abbiamo messi in una ciotola unendo con la zucca cotta al microonde per pochi minuti, il cavolo sbollentato, il tonno, l’emmentaler tagliato a cubetti, un uovo di galline felici, parmigiano reggiano, pane grattugiato ed erbe aromatiche. Una volta amalgamato tutto per bene, abbiamo versato il composto, sopra un foglio di carta forno, con le mani abbiamo compattato e formato un rotolo. Abbiamo chiuso a caramella e messo in forno a 180 gradi per un’ora. A metà cottura lo abbiamo girato. Una volta freddo, lo abbiamo tagliato a fette, condito con olio extravergine di oliva, limone ed aceto di mele.

Credetemi, è stato un buon piatto per una cena a due!

La vita va così!

Buona vita, buon rotolo di tonno e fagioli cannellini ❤️

Diario alimentare di quaresima (crostata di carciofi e carote al formaggio emmentaler)

Seconda settimana di quaresima, il cammino è ancora lungo, sarà lo stesso di quello di un anno fa!

Cosa è cambiato? Nulla, anzi sì, siamo allo stremo, però ci hanno colorato a giorni alterni. Un po’ giallo, un po’ arancio ed un po’ rosso. Non c’è traccia di neutralità. Siamo imprigionati fra un negozio chiuso ed uno aperto a metà. Prima della libera uscita, dobbiamo fare uno sforzo notevole per sapere cosa e dove trovare quel che ci manca.

E la sensazione che si prova camminando non è strana? A me sembra di camminare sull’orlo di un abisso, l’equilibrio manca, ed il respiro intrappolato fra le labbra e la mascherina, diventa affannoso. Verità o solo sensazione? Non lo so. Quanto durerà questo cammino di espiazione?

Nessuno è indovino, ce la siamo cantata un anno fa che sarebbe andato tutto bene…..ma va? Tant’è…..eccoci qua al punto di partenza!

Scacciamo i pensieri colorati, non è poco, ed aspettando la luce ma la Luce vera, facciamo la crostata di carciofi e carote al formaggio emmentaler. Ci servirà per questa sera a cena, non servirà altro perché c’è tutto, verdure, carboidrati e proteine!

Raccontiamola come si fa!

Ingredienti

Per la pasta

200 grammi di farina 0

100 grammi di burro

Un uovo di gallina felice

Sale

Ingredienti

Per il ripieno

3 carciofi

3 carote

2/5 dl di latte

25 grammi di burro

25 grammi di farina

100 grammi di emmentaler o fontina

Olio extravergine di oliva

Noce moscata

Erbe aromatiche

Sale

Preparazione

Impastiamo con i polpastrelli la farina con il burro freddo tagliato a cubetti, sale, uniamo il sale, tre cucchiai di acqua fredda e l’uovo. Lavoriamo velocemente, formiamo una palla e lasciamo riposare in frigo per un’ora.

Prepariamo la crema per la farcitura, portiamo il latte all’ebollizione, uniamo la noce moscata, in un’altra pentola lasciamo sciogliere il burro e lavoriamo insieme alla farina, mescolando lasciamo cuocere per poco, uniamo il latte e sempre mescolando finiamo la cottura per ottenere una crema densa ed uniamo il sale. Spegniamo ed aggiungiamo l’emmentaler e le erbe aromatiche.

Mettiamo a cuocere per una decina di minuti, in acqua bollente salata ed il succo di limone, i carciofi e le carote tagliati a spicchi, li scoliamo lasciandoli raffreddare.

Stendiamo la crostata sopra uno stampo foderato di carta forno, versiamoci la crema di formaggio e sistemiamo sopra i carciofi e le carote alternati, decoriamo con le strisce di pasta. Mettiamo a cuocere a 180 gradi per 30 minuti più o meno! Regoliamoci con la temperatura del nostro forno.

Questa crostata può venire utile anche in previsione delle future feste pasquali, non vi dico certo per il pranzetto fuori porta, magari per quello sulla terrazza o in giardino! Non avremo di meglio mi sa!

Dimenticavo di dirvi che si possono cambiare le verdure ed il formaggio, anche la ricotta è ottima.

Buona vita, buona crostata di carciofi e carote al formaggio emmentaler ❤️

25

Diario alimentare di quaresima (trippa alla marchigiana)

La trippa piatto povero ma corposo, era preparata spesso anche durante il periodo di quaresima perché soddisfava tutta la famiglia numerosa che doveva riempire la pancia e oltretutto si spendevano quattro soldi.

La trippa non era molto gradita ai piccoli, qui la vergara, donna possente che comandava in campagna o la mamma del paese escogitavano un modo per far sì che anche loro imparassero a mangiare la trippa. Preparavano tante frittatine, le uova al tempo quaresimale cominciavano ad abbondare, le tagliavano a striscioline, facevano un sugo finto con il battuto di lardo ed aglio, univano la maggiorana, il prezzemolo e la salvia, i pomodori di casa e lasciavano insaporire le frittatine, così le uova in trippa per la somiglianza delle striscioline, diventavano piacevoli accontentando i piccoli e nutrendoli.

Allora prepariamoci a riempire la pancia anche noi con la ricetta di casa nostra!

Pronti?

Trippa mia, fàtte cappànna!

La trippa deve essere cucinata in modo speciale come faceva mia madre. Sono tassativi maggiorana, cipolla, chiodi di garofano e un minimo di mentuccia selvatica e soprattutto devono esserci i nervetti del manzo per far sì che si formi la gelatina. Una volta sbollentata e rosolata con tutti gli odori, si sfuma col vino bianco e si aggiungono i pomodori. La trippa deve sobbollire per molto tempo fino a quando le striscioline si mordono con le labbra. Servire a tavola con una bella e abbondante spolverata di pecorino secco e di pepe.

La trippa è straordinaria anche per condire un piatto di pasta sia le tagliatelle che i rigatoni!

A voi la scelta!

Buona vita, buona trippa alla marchigiana ❤️

Crostata di frutta secca e marmellata di prugne

Nel diario alimentare di quaresima, ogni tanto per la domenica c’è bisogno del dolce, quello che sa di casa!

Una crostata con una marmellata di prugne molto particolare e profumata come le giornate d’estate.

La marmellata di prugne è fatta in modo diverso dal solito, se volete sapere come si fa, qui trovate la ricetta👇

https://farinaefiore.com/2020/09/12/marmellata-di-prugne-alla-vaniglia-con-il-metodo-della-separazione-delle-cotture/

Ora vi vogliamo far sentire tutti i profumi.

Quello della frutta secca della frolla fatta con la farina di noci, di mandorle e di nocciole, quello del burro, quello delle uova di galline felici, sì perché hanno il profumo che non hanno le galline puttane, (quelle del supermercato), quello della buccia di limone di casa nostra, quello della marmellata di prugne.

C’è tutto per la colazione di loro! Cosa manca? Eh sì…..il resto è quel che viviamo!

Raccontiamola così.

Frulliamo noci, mandorle e nocciole in totale 50 grammi, insieme a 75 grammi di zucchero, uniamo 250 grammi di farina 0, o 00, che metteremo nella ciotola della planetaria, 50 grammi di burro, 30 di olio di girasole, la buccia di limone, la vaniglia, ed impastiamo unendo 2 uova di galline felici. Finiamo di lavorare sopra il piano di lavoro e schiacciamo la frolla che lasceremo incartata nella carta forno e mettiamola a riposare per un’ora in frigo.

Riprendiamo la frolla, la stendiamo sottile lasciandone da parte un po’ per fare le strisce, bucherelliamo la superficie con la forchetta, versiamoci la marmellata di prugne o un’altra a scelta, decoriamo come una crostata tradizionale con le strisce. Mettiamo a cuocere a 160/170 gradi statico per 30/35 minuti. Dal profumo capiremo che la crostata è cotta. Spegniamo il forno e lasciamo freddare prima di metterla nel piatto di portata….fate come noi, non ci è arrivata, è stata tagliata e mangiata prima.

Non ci resta che continuare a camminare fino alla meta!

Buona vita, buona crostata di marmellata di prugne ❤️

Diario alimentare di quaresima (pasticcio di patate, mortadella e mozzarella)

Molti le chiamano le patate maritate, noi non le chiamiamo affatto, è solo una specie di pasticcio che faceva mia sorella Laura, cambiando gli ingredienti che a volte si avevano in casa.

Era un piatto per riempire la pancia specialmente quando ci trovavamo tutti insieme e ogni volta che doveva darmi una mano avendo tre figli da tenere a bada. Lei è una donna di poche parole ma molti fatti. Ti ritrovavi la casa rovesciata da capo a fondo in un attimo e ti ritrovavi la tavola sparecchiata levandoti il bicchiere da sotto la bocca. Era ed è così pur nella sua “tenera età”!

Allora lei prendeva le patate, noi le tagliamo a fettine e le facciamo cuocere a microonde con un filo di acqua e vengono più buone, lei le faceva cuocere come si fa solitamente, le schiacciava ancora calde, le condiva con sale ed olio, cominciava a fare il primo “sólà”in una pirofila, metteva un “sólà” di mozzarella, uno di patate, tante erbette, uno di mortadella fino a chiudere con le patate. Metteva in forno e lasciava cuocere.

Ecco il nostro pasticcio con qualche modifica, fra “sólà e sólà”, abbiamo messo anche una granella di noci che stanno per scadere, chiuso con le patate ed i pomodorini cosparsi di pangrattato. Messo in forno e portato in tavola.

Ed il cammino continua!

Domani vi annunciamo che ci sarà un piatto forte!

Buona vita, buon pasticcio di patate, mozzarella e mortadella di Laura ❤️

Diario alimentare di quaresima (tutto come un anno fa, anzi peggio)

Questo è quanto ho scritto e fatto esattamente un anno fa, nel diario alimentare di coronavirus!

Speravo con tutto il cuore che saremmo arrivati a chiudere questa tremenda pagina di vita per l’inizio dell’estate 2020. Mi ero illusa, non credevo fosse vero!

I supermercati avevano già esaurito tutte le scorte di farina e di prodotti a lunga conservazione, mi faceva ridere la gente che stava andando da un supermercato all’altro per riempire la dispensa!

Ci risiamo, la situazione è pure peggiorata!

Scrivevo così!

Per la colazione di domani eviterò il dolce tradizionale. Farò l’orzo e intingerò una fetta di questo profumatissimo pan brioche all’olio extravergine di oliva senza zucchero addolcito da un cucchiaio di uvetta frullata resa a poltiglia. In questo modo il pane prende una meravigliosa colorazione.

La casa ne è piena del suo profumo! Vorrei potervela far sentire! Mi piace davvero.

Volevo raccontarvi che nemmeno da noi si trova più la farina, di nessun tipo. Quindi fra qualche giorno non potrò più fare il mio pane. Oggi ho usato la farina 0 e la semola rimacinata di grano duro.

Per la ricetta, ci sarà domani o dopo domani o chissà?

Buona vita, buon pan brioche addolcito all’uvetta!

#panbrioche #panbriochesenzazucchero #uvetta #olioextraverginedolivadicasanostra #colazione #orzo #quaresima2020 #panefattoincasa #semolarimacinatadigranoduro #farina0

Diario alimentare di quaresima (polenta con il baccalà)

Diario alimentare di quaresima.

La pulènda présto tira, présto llénda……presto sazia e gonfia, presto rilassa, sgonfia la pancia.

C’era un tempo di vigilia che tutti rispettavano a tavola e non solo. I nostri nonni e mamme, erano tanto religiosi che cominciavano a pensare cosa mangiare di magro il giorno prima della festa solenne che cadeva in quel periodo.

Sul calendario, la prima vigilia era quella delle ceneri il mercoledì dopo carnevale, tutti i venerdì di quaresima ed il venerdì santo, via, via fino alla fine dell’anno. Molti riuscivano a fare digiuno totale. C’erano le nonne e le nostre mamme che spesso per la vigilia,

preparavano la polenta, avendo un costo basso e facilità di reperire la farina di granoturco. Il condimento seguiva il corso delle stagioni, d’inverno quando si faceva la “pista”, l’uccisione del maiale, la polenta era con le “costarelle e le sacìcce”, il sangue insaporito con le cipolle, con le “fòje tróate” e pesci di basso costo come la “renga”, l’aringa, il baccalà, lo stoccafisso, con i fagioli o ceci o le fave che finivano a bollire a fine cottura della polenta per insaporirsi meglio. La “sapa”, il mosto fresco bollito a lungo fino a diventare una salsa, diventava un altro gustoso condimento per la polenta o polentone a fette.

C’è oggi e da sempre per noi, l’esigenza di portare avanti le tradizioni e di rispettare i venerdì di astinenza dalle carni. . Perché non si perda nella notte dei tempi, abbiamo preparato la polenta con il baccalà.

Abbiamo fatto rosolare tutti gli odori come sedano, cipolla e carote tritati finissimi, nell’olio extravergine di oliva, unito i pezzi di baccalà già bagnato, il pepe rosa, abbiamo sfumato con il vino bianco ed aggiunto i pelati con il triplo concentrato di pomodoro.

Abbiamo fatto la polenta, noi la facciamo a microonde, ma ognuno ha il suo modo di farla, però con il microonde la polenta diventa una crema, l’abbiamo versata in ogni piatto e condita con il sugo ed il baccalà.

Per la preparazione della polenta, a voi la scelta farla con il microonde o tradizionalmente. Una mela a fine pasto ed il pranzo è presto fatto…….non c’era una volta nemmeno la frutta, se non si possedeva un fazzoletto di terra!

Buon cammino di quaresima!

Buona vita, buona polenta con il baccalà al pepe rosa ❤️

Diario alimentare di quaresima

Tagliulì co li turì (tagliolini con i funghi porcini secchi)

C’era una volta Maria de minèlla la pesciaròla, una donna forte, lavoratrice che per sfamare i suoi numerosi figli svolgeva diversi lavori.

Oltre a vendere il pesce casa casa, quando andava a fare la legna sulla macchia, il bosco dell’Abadia, approfittava per cercare “li turì” i funghi.

Una volta ottenuto un bel bottino, se ne ritornava alla sua casa di via della pace, metteva le mani nei cestini, li sceglieva categoria per categoria, scartava quelli più ammaccati, li “capava” dalle foglie secche e sporcizie varie, li rimetteva nei cestini e via urlando per le vie del paese: turì, turì frischi! Poi si fermava davanti alle porte di chi sapeva che poteva comprarli.

Una di quella porta era quella di casa nostra, di casa di Mariano de Cuì in via Umberto primo la via principale del paese. Al richiamo della sua voce, mia madre si affacciava tenendo in mano un piatto bianco, che Maria de minèlla riempiva di funghi così a caso, senza bilancia , riscuotendo il dovuto e andandosi a cercare altri clienti.

Questo ricordo mi ha tenuto sveglia per gran parte della notte tanto che una volta alzata, stamattina mi sono messa a fare il sugo di carne ed i funghi porcini secchi e la pasta fresca all’uovo.

Ora possiamo solo ricordare quegli odori e sapori ed accontentarci di mangiare solo i funghi del supermercato. Peccato!

Il racconto della ricetta non è necessario, perché ogni famiglia ha la sua versione.

Chi fa il soffritto per fare il sugo o il ragù, chi non lo fa come noi. Il soffritto ci dà fastidio ed allora preferiamo fare tutto a crudo.

Mettiamo le carni macinate con tutti gli odori, sedano, cipolla, carote, noce moscata e chiodi di garofano nella pentola. Uniamo un filo di acqua e lasciamo cuocere piano piano. Una volta asciugato il tutto, sfumiamo con il brandy. Uniamo funghi porcini secchi ammollati, i pelati e finiamo la cottura. A questo punto uniamo l’olio extravergine di oliva.

La pasta fresca ognuno la fa come il suo solito, qui ci sono le uova di galline felici o puttane ( del supermercato), o si può anche farla senza, ed ognuno mette la farina scelta. Semola rimacinata di grano duro e 0 o tutta 00 o anche una parte integrale.

Una volta fatta ed asciugata la pasta, la tagliamo sottile o più spessa, o tagliolini o tagliatelle. Noi oggi abbiamo scelto di fare i primi “li tagliulì”, proprio in ricordo di quei tempi.

Ora tocca a voi, se volete rifare la stessa ricetta così come ve l’abbiamo raccontata magari immaginando la scena di quel tempo quando per le vie di Petriolo girava una donna che portava prodotti di prima scelta!

Quando ora si mette in risalto….a chilometro zero!

Buona vita, buoni tagliulì co li turì ❤️

Diario alimentare di quaresima

Diario alimentare e non solo di quaresima.

Alzarsi un po’ prima dopo aver ascoltato i consigli dell’esperto di turno per riuscire a sopravvivere di questo periodo che sembra non finire mai. Fai la colazione, senza fretta, il resto lo stesso. Ti vesti con l’unico abbigliamento che da un anno a questa parte, porti sempre, tuta e stivali per andare fuori a controllare. C’è un casino ovunque, la neve ha dato l’ultimo colpo di grazia. Beh, ce la fai a resistere e non a inveire????? Mmmmmmmh!!!!!

Sei una Cuìna! Il resto è vita, quella che hai, o così o cosà!

Prendi le forbici da potare e tagli, fai un bel mucchio di foglie e rami bruciati dal gelo, chiami aiuto, silenzio dall’altra parte del cellulare che squilla a vuoto. Voi che dite che si poteva dire o fare? A voi pensare tutto quello che potete immaginare! Finalmente ti si presenta, cammina lentamente come un ultra…..apre la bocca e dice; ma che lo stai facendo a fare? Morale della favola…..un uomo è solo un rompi…..viva le donne!

Però la fatica per aprire la bocca la fa, senza stancarsi mai. Mangiala sta minestra oppure salta dalla finestra!

Capito a cosa servi? 🤣🤣😭

Buona la minestra di riso, zucca e crema di broccoletti con le mandorle!

Allora facciamo questa minestra mettendo a cuocere la zucca tagliata a cubetti in una pentola antiaderente senza grassi, appena scaldata uniamo il riso che ci serve per più persone insieme ad una foglia di alloro. Nel frattempo mettiamo a bollire l’acqua per cuocere i broccoletti, appena il riso comincia ad attaccarsi, uniamo l’acqua della verdura e se l’abbiamo le scorze del parmigiano reggiano, il sale, finiamo la cottura lasciando il riso morbido. Mantechiamo con una noce di burro e parmigiano.

Frulliamo una parte dei broccoletti con un po’ dell’acqua della sua cottura e le mandorle, impiattiamo il riso, mettiamo sopra i broccoletti e le mandorle tritate ed un rametto di rosmarino fiorito.

Questa minestra è buonissima e ci fa bene al corpo ed all’anima.

Buona vita, buona minestra di riso e zucca con broccoletti e mandorle. ❤️