Giovanni Ginobili

Calendario di Avvento

๐Ÿ•ฏ

๐—ก๐—”๐—ง๐—”ฬ€’ ๐Ÿฎ๐Ÿฌ๐Ÿฎ๐Ÿฌ, ๐™˜๐™–๐™ก๐™š๐™ฃ๐™™๐™–๐™ง๐™ž๐™ค ๐™™๐™ž๐™œ๐™ž๐™ฉ๐™–๐™ก๐™š ๐™™๐™š๐™ก๐™ก’๐™–๐™ซ๐™ซ๐™š๐™ฃ๐™ฉ๐™ค ๐™™๐™š๐™ก๐™ก๐™š ๐™ฉ๐™ง๐™–๐™™๐™ž๐™ฏ๐™ž๐™ค๐™ฃ๐™ž ๐™ฅ๐™ค๐™ฅ๐™ค๐™ก๐™–๐™ง๐™ž ๐™™๐™š๐™ก๐™ก๐™š ๐™ˆ๐™–๐™ง๐™˜๐™๐™š ๐™˜๐™š๐™ฃ๐™ฉ๐™ง๐™–๐™ก๐™ž ๐™˜๐™ค๐™ฃ ๐™‚๐™ž๐™ค๐™ซ๐™–๐™ฃ๐™ฃ๐™ž ๐™‚๐™ž๐™ฃ๐™ค๐™—๐™ž๐™ก๐™ž.

๐Ÿญ๐Ÿฒ ๐——๐—œ๐—–๐—˜๐— ๐—•๐—ฅ๐—˜ ๐Ÿฎ๐Ÿฌ๐Ÿฎ๐Ÿฌ – ๐—ฆ๐—ฎ๐—ป๐˜๐—ฎ ๐—”๐—ฑ๐—ฒ๐—น๐—ฎ๐—ถ๐—ฑ๐—ฒ

ยซChi vole lโ€™aju grossu

de Natร โ€™ scรฌ rpostu.ยป

Dicembre รจ un mese morto per il lavoro dei campi, ma qualche cosa si puรฒ fare: si pianta lโ€™aglio che crescerร  bello e polposo.

Calendario di Avvento

๐Ÿ•ฏ

๐—ก๐—”๐—ง๐—”ฬ€’ ๐Ÿฎ๐Ÿฌ๐Ÿฎ๐Ÿฌ, ๐™˜๐™–๐™ก๐™š๐™ฃ๐™™๐™–๐™ง๐™ž๐™ค ๐™™๐™ž๐™œ๐™ž๐™ฉ๐™–๐™ก๐™š ๐™™๐™š๐™ก๐™ก’๐™–๐™ซ๐™ซ๐™š๐™ฃ๐™ฉ๐™ค ๐™™๐™š๐™ก๐™ก๐™š ๐™ฉ๐™ง๐™–๐™™๐™ž๐™ฏ๐™ž๐™ค๐™ฃ๐™ž ๐™ฅ๐™ค๐™ฅ๐™ค๐™ก๐™–๐™ง๐™ž ๐™™๐™š๐™ก๐™ก๐™š ๐™ˆ๐™–๐™ง๐™˜๐™๐™š ๐™˜๐™š๐™ฃ๐™ฉ๐™ง๐™–๐™ก๐™ž ๐™˜๐™ค๐™ฃ ๐™‚๐™ž๐™ค๐™ซ๐™–๐™ฃ๐™ฃ๐™ž ๐™‚๐™ž๐™ฃ๐™ค๐™—๐™ž๐™ก๐™ž.

๐Ÿญ๐Ÿฑ ๐——๐—œ๐—–๐—˜๐— ๐—•๐—ฅ๐—˜ ๐Ÿฎ๐Ÿฌ๐Ÿฎ๐Ÿฌ – ๐—ฆ๐—ฎ๐—ป๐˜๐—ฎ ๐—ฉ๐—ถ๐—ฟ๐—ด๐—ถ๐—ป๐—ถ๐—ฎ

Nel giorno di Natale si raccoglievano le famiglie per giocare alla tradizionale tombola o a โ€œsemolellaโ€. Uno stornello popolare si esprime cosi:

ยซFiore de melella,

co vรฒ ce giocaria โ€˜na vorda a ppalla,

la notte de Natร โ€™ a semolella.ยป

Il professor Marcoaldi professore di storia fabrianese, ci descrive come si effettuava questโ€™antico gioco, si prendeva una certa quantitร  di crusca, anche a seconda del numero di bambini che avrebbero giocato, in mezzo ad essa si nascondeva una certa quantitร  di centesimi. Secondo lo storico anticamente si chiamavano quattrinelli, poi si rimescolava il tutto molto bene per non far vedere in superficie il denaro. Poi in base ai giocatori, si divideva la quantitร  di crusca iniziale in tante porzioni, in modo da avere per ogni giocatore una porzione. Infine ognuno cercava i denari nella sua porzione, questo gioco rappresentava la fortuna cieca, che quando meno te lo aspetti ti premia.

Vorrei vedere adesso cosa succederebbe nelle nostre case se i bambini li facessimo giocare a “semmรฒlella”! Povere le mamme fra la crusca ed i litigi dei loro figli. Forse meno giocattoli tecnologici, รจ piรน fantasia non guasterebbero ai nostri tempi.

Calendario di Avvento

๐Ÿ•ฏ

๐—ก๐—”๐—ง๐—”ฬ€’ ๐Ÿฎ๐Ÿฌ๐Ÿฎ๐Ÿฌ, ๐™˜๐™–๐™ก๐™š๐™ฃ๐™™๐™–๐™ง๐™ž๐™ค ๐™™๐™ž๐™œ๐™ž๐™ฉ๐™–๐™ก๐™š ๐™™๐™š๐™ก๐™ก’๐™–๐™ซ๐™ซ๐™š๐™ฃ๐™ฉ๐™ค ๐™™๐™š๐™ก๐™ก๐™š ๐™ฉ๐™ง๐™–๐™™๐™ž๐™ฏ๐™ž๐™ค๐™ฃ๐™ž ๐™ฅ๐™ค๐™ฅ๐™ค๐™ก๐™–๐™ง๐™ž ๐™™๐™š๐™ก๐™ก๐™š ๐™ˆ๐™–๐™ง๐™˜๐™๐™š ๐™˜๐™š๐™ฃ๐™ฉ๐™ง๐™–๐™ก๐™ž ๐™˜๐™ค๐™ฃ ๐™‚๐™ž๐™ค๐™ซ๐™–๐™ฃ๐™ฃ๐™ž ๐™‚๐™ž๐™ฃ๐™ค๐™—๐™ž๐™ก๐™ž.

๐Ÿญ๐Ÿฐ ๐——๐—œ๐—–๐—˜๐— ๐—•๐—ฅ๐—˜ ๐Ÿฎ๐Ÿฌ๐Ÿฎ๐Ÿฌ – ๐—ฆ๐—ฎ๐—ป ๐—š๐—ถ๐—ผ๐˜ƒ๐—ฎ๐—ป๐—ป๐—ถ ๐—ฑ๐—ฒ๐—น๐—น๐—ฎ ๐—–๐—ฟ๐—ผ๐—ฐ๐—ฒ

Sono tanti svegliarini questi detti popolari con i quali nella casa marchigiana i piรน anziani e nella casa colonica la massaia, metteva in guardia le giovani a preparare per tempo lโ€™occorrente vestiario per la stagione veniente:

ยซChi prima de Natร โ€™ non fila,

dopo Natร โ€™ suspira.ยป

Calendario di Avvento

๐Ÿ•ฏ

๐—ก๐—”๐—ง๐—”ฬ€’ ๐Ÿฎ๐Ÿฌ๐Ÿฎ๐Ÿฌ, ๐™˜๐™–๐™ก๐™š๐™ฃ๐™™๐™–๐™ง๐™ž๐™ค ๐™™๐™ž๐™œ๐™ž๐™ฉ๐™–๐™ก๐™š ๐™™๐™š๐™ก๐™ก’๐™–๐™ซ๐™ซ๐™š๐™ฃ๐™ฉ๐™ค ๐™™๐™š๐™ก๐™ก๐™š ๐™ฉ๐™ง๐™–๐™™๐™ž๐™ฏ๐™ž๐™ค๐™ฃ๐™ž ๐™ฅ๐™ค๐™ฅ๐™ค๐™ก๐™–๐™ง๐™ž ๐™™๐™š๐™ก๐™ก๐™š ๐™ˆ๐™–๐™ง๐™˜๐™๐™š ๐™˜๐™š๐™ฃ๐™ฉ๐™ง๐™–๐™ก๐™ž ๐™˜๐™ค๐™ฃ ๐™‚๐™ž๐™ค๐™ซ๐™–๐™ฃ๐™ฃ๐™ž ๐™‚๐™ž๐™ฃ๐™ค๐™—๐™ž๐™ก๐™ž.

๐Ÿญ๐Ÿฎ ๐——๐—œ๐—–๐—˜๐— ๐—•๐—ฅ๐—˜ ๐Ÿฎ๐Ÿฌ๐Ÿฎ๐Ÿฌ – ๐—•๐—ฒ๐—ฎ๐˜๐—ฎ ๐—ฉ๐—ฒ๐—ฟ๐—ด๐—ถ๐—ป๐—ฒ ๐—ฑ๐—ถ ๐—š๐˜‚๐—ฎ๐—ฑ๐—ฎ๐—น๐˜‚๐—ฝ๐—ฒ

Nelle sere dโ€™inverno e in occasione di feste, come Natale, Capo dโ€™Anno, i nostri antichi suolevano preparare ยซlo brulรจยป, cioรจ il vino crudo fatto bollire con pepe, cannella e garofani; serviva anche contro le infreddature.

Calendario di Avvento

๐Ÿ•ฏ

๐—ก๐—”๐—ง๐—”ฬ€’ ๐Ÿฎ๐Ÿฌ๐Ÿฎ๐Ÿฌ, ๐™˜๐™–๐™ก๐™š๐™ฃ๐™™๐™–๐™ง๐™ž๐™ค ๐™™๐™ž๐™œ๐™ž๐™ฉ๐™–๐™ก๐™š ๐™™๐™š๐™ก๐™ก’๐™–๐™ซ๐™ซ๐™š๐™ฃ๐™ฉ๐™ค ๐™™๐™š๐™ก๐™ก๐™š ๐™ฉ๐™ง๐™–๐™™๐™ž๐™ฏ๐™ž๐™ค๐™ฃ๐™ž ๐™ฅ๐™ค๐™ฅ๐™ค๐™ก๐™–๐™ง๐™ž ๐™™๐™š๐™ก๐™ก๐™š ๐™ˆ๐™–๐™ง๐™˜๐™๐™š ๐™˜๐™š๐™ฃ๐™ฉ๐™ง๐™–๐™ก๐™ž ๐™˜๐™ค๐™ฃ ๐™‚๐™ž๐™ค๐™ซ๐™–๐™ฃ๐™ฃ๐™ž ๐™‚๐™ž๐™ฃ๐™ค๐™—๐™ž๐™ก๐™ž.

๐Ÿญ๐Ÿญ ๐——๐—œ๐—–๐—˜๐— ๐—•๐—ฅ๐—˜ ๐Ÿฎ๐Ÿฌ๐Ÿฎ๐Ÿฌ – ๐—ฆ๐—ฎ๐—ป ๐—ฆ๐—ฎ๐˜ƒ๐—ถ๐—ป๐—ผ ๐—ฉ๐—ฒ๐˜€๐—ฐ๐—ผ๐˜ƒ๐—ผ

Scioglilingua

ยซLa fargia rruginita

chi la sderugginescerร ?

La sderugginiscerรฒ io

coโ€™ lo fienร .ยป

Calendario di Avvento

๐—ก๐—”๐—ง๐—”ฬ€’ ๐Ÿฎ๐Ÿฌ๐Ÿฎ๐Ÿฌ, ๐™˜๐™–๐™ก๐™š๐™ฃ๐™™๐™–๐™ง๐™ž๐™ค ๐™™๐™ž๐™œ๐™ž๐™ฉ๐™–๐™ก๐™š ๐™™๐™š๐™ก๐™ก’๐™–๐™ซ๐™ซ๐™š๐™ฃ๐™ฉ๐™ค ๐™™๐™š๐™ก๐™ก๐™š ๐™ฉ๐™ง๐™–๐™™๐™ž๐™ฏ๐™ž๐™ค๐™ฃ๐™ž ๐™ฅ๐™ค๐™ฅ๐™ค๐™ก๐™–๐™ง๐™ž ๐™™๐™š๐™ก๐™ก๐™š ๐™ˆ๐™–๐™ง๐™˜๐™๐™š ๐™˜๐™š๐™ฃ๐™ฉ๐™ง๐™–๐™ก๐™ž ๐™˜๐™ค๐™ฃ ๐™‚๐™ž๐™ค๐™ซ๐™–๐™ฃ๐™ฃ๐™ž ๐™‚๐™ž๐™ฃ๐™ค๐™—๐™ž๐™ก๐™ž.

๐Ÿญ๐Ÿฌ ๐——๐—œ๐—–๐—˜๐— ๐—•๐—ฅ๐—˜ ๐Ÿฎ๐Ÿฌ๐Ÿฎ๐Ÿฌ – ๐—•๐—ฒ๐—ฎ๐˜๐—ฎ ๐—ฉ๐—ฒ๐—ฟ๐—ด๐—ถ๐—ป๐—ฒ ๐—ฑ๐—ถ ๐—Ÿ๐—ผ๐—ฟ๐—ฒ๐˜๐—ผ

ยซMadonna di Loreto

Madonna loretana,

che dal mare ne veniste,

che parteste da Schiavonia

coโ€™ la tu casetta bella,

ti saluto, Verginella.ยป

Filastrocca che rievoca la leggendaria traversata della Santa casa di Loreto.

Si รจ purtroppo persa anche la tradizione di portare i bambini a suonare la campanella della casetta dei โ€œcuppรฌttiโ€, con la Madonna e Gesรน Bambino, per la mancanza di tempo da parte delle mamme che nel frattempo hanno cominciato a lavorare fuori casa. Posso ritenermi fortunata perchรฉ io lโ€™ho sempre fatto con il mio primo nipote Carlo e via via con gli altri ed i miei figli.

Vergine Lauretana prega per noi.

Calendario di Avvento

๐Ÿ•ฏ

๐—ก๐—”๐—ง๐—”ฬ€’ ๐Ÿฎ๐Ÿฌ๐Ÿฎ๐Ÿฌ, ๐™˜๐™–๐™ก๐™š๐™ฃ๐™™๐™–๐™ง๐™ž๐™ค ๐™™๐™ž๐™œ๐™ž๐™ฉ๐™–๐™ก๐™š ๐™™๐™š๐™ก๐™ก’๐™–๐™ซ๐™ซ๐™š๐™ฃ๐™ฉ๐™ค ๐™™๐™š๐™ก๐™ก๐™š ๐™ฉ๐™ง๐™–๐™™๐™ž๐™ฏ๐™ž๐™ค๐™ฃ๐™ž ๐™ฅ๐™ค๐™ฅ๐™ค๐™ก๐™–๐™ง๐™ž ๐™™๐™š๐™ก๐™ก๐™š ๐™ˆ๐™–๐™ง๐™˜๐™๐™š ๐™˜๐™š๐™ฃ๐™ฉ๐™ง๐™–๐™ก๐™ž ๐™˜๐™ค๐™ฃ ๐™‚๐™ž๐™ค๐™ซ๐™–๐™ฃ๐™ฃ๐™ž ๐™‚๐™ž๐™ฃ๐™ค๐™—๐™ž๐™ก๐™ž.

๐Ÿต ๐——๐—œ๐—–๐—˜๐— ๐—•๐—ฅ๐—˜ ๐Ÿฎ๐Ÿฌ๐Ÿฎ๐Ÿฌ – ๐—ฆ๐—ฎ๐—ป ๐—ฆ๐—ถ๐—ฟ๐—ผ ๐—ฉ๐—ฒ๐˜€๐—ฐ๐—ผ๐˜ƒ๐—ผ

Li Focaracci

Avvenimento tutto e soprattutto marchigiano e infinitamente caro al cuore dei marchigiani, รจ la celebrazione della Traslazione della Santa Casa. La nostra gente vi ha intessuto unโ€™aureola meraviglia di leggende.

Si accendono i ยซfocaracciยป, i falรฒ che illuminano la via da seguire per Loreto, accompagnati da spari di schioppi e petardi. Alle ore 3,15 tutte le campane, anche delle chiese di campagna, suonano a distesa.

Nelle case di campagna la polvere da sparo che avanzava dalla notte della venuta veniva conservata gelosamente per essere sparata nei giorni di temporale, in quanto si credeva potesse allontanare i fulmini, secondo l’antico principio dei simili.

Peccato che dopo lโ€™inserimento al castello da parte di cittadini non solo stranieri, le campane che hanno suonato per anni alle tre di notte, sono state messe a tacere. Poveri cittadini deboli di orecchi e non solo๐Ÿ˜“

Comunque noi sempre ligi alle tradizioni, mettiamo la sveglia questa notte alle tre per pregare la Salve Regina!

Petriolo non dimentica la sua storia.

Calendario di Avvento

๐Ÿ•ฏ

๐—ก๐—”๐—ง๐—”ฬ€’ ๐Ÿฎ๐Ÿฌ๐Ÿฎ๐Ÿฌ, ๐™˜๐™–๐™ก๐™š๐™ฃ๐™™๐™–๐™ง๐™ž๐™ค ๐™™๐™ž๐™œ๐™ž๐™ฉ๐™–๐™ก๐™š ๐™™๐™š๐™ก๐™ก’๐™–๐™ซ๐™ซ๐™š๐™ฃ๐™ฉ๐™ค ๐™™๐™š๐™ก๐™ก๐™š ๐™ฉ๐™ง๐™–๐™™๐™ž๐™ฏ๐™ž๐™ค๐™ฃ๐™ž ๐™ฅ๐™ค๐™ฅ๐™ค๐™ก๐™–๐™ง๐™ž ๐™™๐™š๐™ก๐™ก๐™š ๐™ˆ๐™–๐™ง๐™˜๐™๐™š ๐™˜๐™š๐™ฃ๐™ฉ๐™ง๐™–๐™ก๐™ž ๐™˜๐™ค๐™ฃ ๐™‚๐™ž๐™ค๐™ซ๐™–๐™ฃ๐™ฃ๐™ž ๐™‚๐™ž๐™ฃ๐™ค๐™—๐™ž๐™ก๐™ž.

๐Ÿด ๐——๐—œ๐—–๐—˜๐— ๐—•๐—ฅ๐—˜ ๐Ÿฎ๐Ÿฌ๐Ÿฎ๐Ÿฌ – ๐—œ๐—บ๐—บ๐—ฎ๐—ฐ๐—ผ๐—น๐—ฎ๐˜๐—ฎ ๐—–๐—ผ๐—ป๐—ฐ๐—ฒ๐˜‡๐—ถ๐—ผ๐—ป๐—ฒ

ยซSanda Maria,

lo riso coโ€™ la jรฌa;

ora pre nรฒbbi,

lo riso coโ€™ li gobbi.ยป

Curiosa strofetta che prende inizia dalle preghiere e precisamente la recita delle litanie lauretane della Madonna . Si tratta semplicemente di un giuoco innocente di parole, senzโ€™ombra minima di irriverenza per la santitร  delle preghiere stesse.

โ€œLi frascarรฉlliโ€

Li frascarรฉlli

Una specie di polentina bianca fatta con la farina di grano tenero anzichรฉ di granoturco. Il nome deriva dallo speciale bastoncino di legno, โ€œla fraschettaโ€ con tre punte che veniva usato per mischiarli nel caldaio posto sulla fiamma scoppiettante del focolare. Li frascarรฉlli chiamati anche โ€œppiccicasร ndiโ€, piccicasanti perchรฉ fatti con acqua e farina come la colla che un tempo i contadini senza nessun mezzo di comunicazione, usavano per attaccare i calendari lunari dietro le porte delle stalle. Li frascarรฉlli con acqua e farina, venivano battuti sopra la spianatoia e poi cotti per una mezzโ€™ora nellโ€™acqua bollente, si scolavano e si stendevano sopra โ€œla spianatรณraโ€ la spianatoia, sulla quale ogni familiare poteva mangiare la sua porzione. Il condimento nella stagione estiva era con i piselli o con i pomodori belli rossi e la cipolla, diventavano piรน ricchi e sostanziosi, quando ancora cโ€™era nella dispensa, la โ€œbarbร jaโ€ il guanciale del maiale conservato sotto sale. Oggi giorno della vigilia della festa dellโ€™Immacolata, ed astinenza dalle carni, i nostri โ€œfrascarรฉlliโ€ sono diventati una minestra calda e fumante insieme ai buonissimi fagioli borlotti raccolti qualche giorno fa. Un giro di olio extravergine di oliva fresco e due anelli di cipolla ed il parco pranzo รจ servito.

Per preparare questo piatto qui trovate la ricetta qui

Per questo piatto in particolare, basta cuocere i fagioli come al solito, fare un sugo di pomodoro e cipolla che si aggiungerร  ai legumi. Una volta cotti i frascarรฉlli, in ogni piatto fondo verranno messi prima il sugo di fagioli, poi i frascarรฉlli ed ancora i fagioli, il parmigiano reggiano olio extravergine di oliva e la cipolla croccante fatta a parte.

Per ottenere una cipolla croccante e dorata, basta metterla tagliata sottile, sopra un piatto e poi per un minuto e mezzo, piรน o meno a forno a microonde.

Calendario di Avvento

๐Ÿ•ฏ

๐—ก๐—”๐—ง๐—”ฬ€’ ๐Ÿฎ๐Ÿฌ๐Ÿฎ๐Ÿฌ, ๐™˜๐™–๐™ก๐™š๐™ฃ๐™™๐™–๐™ง๐™ž๐™ค ๐™™๐™ž๐™œ๐™ž๐™ฉ๐™–๐™ก๐™š ๐™™๐™š๐™ก๐™ก’๐™–๐™ซ๐™ซ๐™š๐™ฃ๐™ฉ๐™ค ๐™™๐™š๐™ก๐™ก๐™š ๐™ฉ๐™ง๐™–๐™™๐™ž๐™ฏ๐™ž๐™ค๐™ฃ๐™ž ๐™ฅ๐™ค๐™ฅ๐™ค๐™ก๐™–๐™ง๐™ž ๐™™๐™š๐™ก๐™ก๐™š ๐™ˆ๐™–๐™ง๐™˜๐™๐™š ๐™˜๐™š๐™ฃ๐™ฉ๐™ง๐™–๐™ก๐™ž ๐™˜๐™ค๐™ฃ ๐™‚๐™ž๐™ค๐™ซ๐™–๐™ฃ๐™ฃ๐™ž ๐™‚๐™ž๐™ฃ๐™ค๐™—๐™ž๐™ก๐™ž.

๐Ÿฑ ๐——๐—œ๐—–๐—˜๐— ๐—•๐—ฅ๐—˜ ๐Ÿฎ๐Ÿฌ๐Ÿฎ๐Ÿฌ – ๐—ฆ๐—ฎ๐—ป ๐—ฆ๐—ฎ๐—ฏ๐—ฎ ๐—”๐—ฟ๐—ฐ๐—ต๐—ถ๐—บ๐—ฎ๐—ป๐—ฑ๐—ฟ๐—ถ๐˜๐—ฎ

Lu crustingu รจ il dolce di Natale per eccellenza. A Petriolo si fa cosรฌ:

La sera innanzi dโ€™esser mandato al forno, si fanno bollire i fichi, (Kg 1) farina di grano e di granturco, Kg. 0,500 per sorta, mollica di pane bianco gr. 250, mescolare tutto insieme fino a che i fichi non sono ben cotti, da non essere perรฒ spappolati. Si mette tutto in un recipiente di coccio o di alluminio. Il giorno appresso, la mattina si aggiunge lโ€™uva in chicchi, gr. 100; noci un chilogrammo (peso delle noci non schiacciate); mandorle un etto schiacciate; altrettanti pinoli; olio cucchiai 4. Sโ€™impasta il tutto fino a che non sia ben distribuito tutto il condimento. Se la pasta preparata la sera innanzi alla mattina fosse troppo tosta, allora si ricorrerร  alla saba (dolcificante ottenuto dalla bollitura del mosto d’uva) allungata. Fatto tutto questo, si mette in recipiente di rame avente lโ€™orlo alzato e si manda al forno per la cottura. Il forno non sarร  troppo caldo, si dovrร  infornare subito dopo sfornato il pane.

Lu crustingu si รจ poi arricchito con l’avvento del benessere, infatti sono stati aggiunti di spezie ed aromi come il caffรจ ed il cioccolato fondente.

Qui trovate la ricetta completa ๐Ÿ‘‡

https://farinaefiore.com/2018/12/02/un-ricordo-un-dolce-lu-crustingu/