Fusilli alla crema di pere e radicchio rosso con noci

Il nostro piatto del giorno, come spesso succede, è preparato molto velocemente nel tempo che cuoce la pasta.

Oggi avevamo il radicchio rosso appena raccolto e gelato per la temperatura andata a finire a meno 2 di notte, delle pere che stavano avanti di maturazione, prodotti giusti per la pasta dal sapore amaro e dolce e croccante per le noci.

Abbiamo cotto le pere a fettine in olio extravergine di oliva ed erbe aromatiche, unito il radicchio rosso tagliato a filetti, le noci e spadellato i fusilli insieme ad una bella spolverata di formaggio di capra. Buon piatto che riscalda corpo e spirito.

Insieme abbiamo preparato dei crostini col nostro pane quotidiano di farine diverse e fettine di pecorino spolverati con le arachidi! Insalata mista ed il pranzo è fatto!

Buona vita, buon pranzo❤️

Pane nostro quotidiano

Cosa c’è di più bello e rilassante da fare in cucina?

Impastare, impastare, aspettare, guardare come una bambina un impasto di acqua e farina diventare una meraviglia di pane dal sapore e profumo unici al mondo.

Il canto del pane appena uscito dal forno, aspettare che si asciughi per poterlo tagliare a fette e morderlo così da solo senza companatico e godere semplicemente!

Questa è la mia più grande passione! Caterina ha lasciato il segno! ❤️

Il mio pane, il nostro pane naturale è fatto con un lievito madre Assuntino nato più di dieci anni fa.

Ci ho messo parecchio tempo prima di poter ottenere un pane mangiabile. Potevo anche smettere di farlo, non mi sono arresa. Devo sicuramente imparare ancora, non sono andata a scuola da nessuna parte e solo continuando e impastando ancora otterrò migliori risultati.

Questo è il mio, il nostro pane naturale quotidiano ❤️

Buona vita, buon pane naturale quotidiano con il lievito madre Assuntino ❤️

Alcuni di questi pani hanno estratti di melagrane, di zucca o di altri tipi e frutta secca.

Sbriciolata alle tre farine di nocciole di castagne e integrale con marmellata di lamponi

Finite le feste natalizie, si potrebbe cominciare a fare meno dei dolci per smaltire tutto il ben di Dio ingurgitato nei tanti giorni passati insieme ai propri cari ed amici.

Non so voi, io però non ho sgarrato più di tanto, praticamente solita alimentazione con qualche boccone in più di panettone e di torrone. Non sono una che aspetta le feste per mangiare di più perché mi farebbe star male. Quindi nessun senso di colpa se mi gusterò una fettina di questa deliziosa sbriciolata rustica quel tanto che basta, croccante per la presenza delle nocciole tritate per renderle come una farina ma non più di tanto, profumata per quella di castagne e deliziosa per la marmellata di lamponi preparata da me qualche tempo fa.

La sbriciolata si fa velocemente senza bisogno di far riposare la pasta.

Ingredienti

200 grammi di farina integrale o ai cereali

50 grammi di farina di castagne

50 grammi nocciole tritate finemente

Due albumi ed un uovo intero o due uova intere. Io avevo gli albumi avanzati e li ho usati

75 grammi di zucchero

30 grammi di olio di girasole

50 di burro oppure solo 75 grammi di olio di girasole togliendo il burro

Buccia di arancia

Un cucchiaino di lievito per dolci

Marmellata di lamponi quanta ne serve per ricoprire la superficie

Preparazione

Mettiamo nella ciotola della planetaria o sopra la spianatoia le farine, il cucchiaino di lievito per dolci e lo zucchero, lasciamo mescolare grossolanamente ed uniamo gli albumi, l’uovo, la buccia di arancia, lavoriamo unendo il burro morbido e l’olio di girasole oppure 75 grammi di solo olio sempre di girasole, lasciamo che si amalgami e finiamo di lavorare il composto con le mani.

Foderiamo uno stampo di 22 /24 centimetri con la carta forno, ricopriamo il fondo di pasta sbriciolata con le mani senza matterello, uniamo la marmellata di lamponi e finiamo ricoprendo la superficie con le briciole di pasta.

Mettiamo a cuocere a 170/180 gradi per 35/40 minuti. Regoliamoci sempre con la temperatura del nostro forno, ognuno ha una cottura diversa.

Lasciamo freddare la sbriciolata e sformiamola sopra un bel piatto. Questo dolce ha un sapore eccezionale per la presenza delle tre farine tutte decisamente con un profumo deciso.

Buona vita, buona sbriciolata alle tre farine e marmellata di lamponi ❤️

Polpettine di ricotta cavoli rape e cuore filante di emmentaler

Non sai cosa cucinare per cena? Niente paura, in frigo c’è della buona ricotta, le verdure cavoli neri, viola e rape appena raccolte sono scolate e fumanti le tagli finemente, unisci due uova, pane grattugiato e 200 grammi di ricotta parmigiano reggiano e erbe aromatiche. Mescoli per bene per formare delle polpettine, metti al centro due tre pezzetti di emmentaler e chiudi per sigillare e non far scappare il formaggio. Metti a cuocere a 180 gradi fino a quando diventano belle dorate e croccanti girandole a metà cottura. Spegni il forno e metti in tavola e te le magni!

Buone, molto buone e se abbondano in proteine ci sono le fibre delle verdure che ci fanno bene.

Ho dimenticato di dirvi che le polpettine sono ottime anche come antipasto accompagnate da olive ripiene e tanti stuzzichini.

Buona vita, buone polpettine di ricotta verdure con cuore filante di emmentaler ❤️

Zuccotto con crema di mascarpone e moscato d’Asti

Siamo alla fine di tutte le feste natalizie, domani sarà l Epifania e in ogni casa ci saranno sicuramente avanzi di pandoro panettone torrone e altri tipi di dolci i frutta secca. Avremo anche dello spumante che forse potrebbe finire nel lavandino ed invece lo useremo per fare una deliziosa crema che arricchirà del buon mascarpone.

Per fare uno zuccotto , foderare una ciotola con pellicola e fare strati di fettine di pandoro o panettone inzuppate di moscato d’Asti scaldato con un po’ di zucchero e vaniglia, di crema di mascarpone, cospargere di pezzetti di torrone o di cioccolato fondente o di marron glacé o di frutta secca, fino a chiudere con le fette di pandoro o panettone inzuppate di spumante.

La crema di moscato d’Asti la facciamo così.

Mettiamo a scaldare 300 grammi di latte intero o scremato, uniamo 100 grammi di spumante e la vaniglia, montiamo quattro rossi di uova con 150 grammi di zucchero, 50 grammi di fecola e mescoliamo per ottenere una crema liscia.

Versiamo il composto nel latte e lo spumante e cuociamo la crema sempre mescolando. Spegniamo il fuoco e lasciamo freddare coprendo la superficie con la pellicola.

Lavoriamo 200 grammi di mascarpone con 300 grammi di panna semi montata leggermente zuccherata ed uniamo la crema di moscato d’Asti. Montiamo i composti con la frusta e usiamo la crema per ricoprire le fette di dolce e comporre lo zuccotto.

Mettiamo lo zuccotto a congelare per qualche ora e sformiamolo togliendo la pellicola sopra un bel piatto. Potremo ricoprire la superficie con la crema di mascarpone, con del cocco o con lo zucchero a velo. Decoriamo con cioccolato fondente a scaglie o con frutta secca o con torrone sbriciolato. Mettete la vostra fantasia!

Siamo alla notte della festa dell’Epifania ed allora come vuole una tradizione mettiamo dentro lo zuccotto una sorpresa, magari un cioccolatino o una caramella. Chi la troverà sarà benedetto dai re Magi!

Buona festa dell’Epifania!

Buona vita, buon zuccotto alla crema di mascarpone e moscato d’Asti ❤️

Torta di pandoro alla crema di spumante con marron glacé e cioccolato fondente

Avanzano spumante, pandoro o panettone o un pan di Spagna, facciamo la crema con lo spumante e farciamo i dolci mettendo marron glacé o cioccolato fondente!

Come si fa la crema allo spumante?

Montiamo otto tuorli con 160 grammi di zucchero, uniamo 1/2 litro di spumante, mettiamo a cuocere o a bagnomaria o a microonde mescoliamo fino ad addensare come una crema inglese e lasciamo freddare. Montiamo 500 grammi di panna e la uniamo piano piano alla crema.

Tagliamo a fettine il pandoro o il panettone, le sistemiamo sopra uno stampo foderato di pellicola le bagniamo con lo spumante fatto scaldare con un po’ di zucchero e vaniglia, spalmiamo la crema di spumante, uniamo pezzetti di cioccolato fondente o marron glacé o torrone, facciamo altri strati e chiudiamo con le fettine di pandoro o panettone. Mettiamo a congelare per qualche ora, tiriamo fuori la torta la sformiamo sopra un bel piatto e decoriamo con scaglie di cioccolato fondente e fettine di arancia fatta cuocere con miele e zucchero. Le arance si possono cuocere a microonde dentro una ciotola con un filo di acqua miele e zucchero, sono pronte quando diventano morbide e lucide.

Allo stesso modo possiamo fare uno zuccotto foderando una ciotola con pellicola e facendo strati con la crema allo spumante.

Buona vita, buona torta di crema di spumante e soprattutto buona Epifania che tutte le feste di porta via! ❤️